Info e contatti

Per info e contatti scrivere a nonbruciamoci@gmail.com
Aggiungici ai tuoi contatti su FB: www.facebook.com/nonbruciamoci.macomer

Contatore

lunedì 30 marzo 2015

MEMORIA CORTA E FACCIA TOSTA

Il sindaco Succu ha firmato una delibera in cui si impegna il Comune di Macomer a spendere 3.000 € più le spese accessorie per chiudere la bocca a tutti quelli che non sono d'accordo con l'immagine felice del territorio che ha ricostruito in quella delibera, e democraticamente rendono pubblici i motivi delle loro preoccupazioni.
Noi pensiamo che il sindaco dovrebbe preoccuparsi della sostanza più che dell'immagine, oppure a breve si troverà a deliberare anche per obbligare tutte le persone di Macomer affette da patologie tumorali e respiratorie ad indossare una maschera ridente prima di uscire di casa, per non recare danno a quell'immagine.
Il sindaco chiede ad altri di divulgare i dati su notizie contrastanti con quelle ufficiali, eppure quei dati dovrebbero essere in suo possesso, dati che i cittadini  chiedono da anni ma non hanno mai avuto.

Chi nasconde cosa?

Noi non abbiamo mai visto quei dati, ma ci siamo sempre espressi sulla base di informazioni ufficiali alquanto preoccupanti, comunicate dall'ARPAS, dalla ASL di Nuoro e da lui stesso .

Ecco quali

    1) Lettera dell’ARPAS, Dipartimento di Nuoro, del 12 gennaio 2009, prot. 380, inviata al Comune di Macomer, all'Assessorato Difesa Ambiente della Provincia di Nuoro, alla ASL di Nuoro, all'Assessorato Regionale Difesa Ambiente, al Consorzio Industriale di Macomer, alla Tossilo S.p.A., e p.c. Alla Direzione Generale ARPAS di Cagliari.
L’Arpas segnala che durante un sopralluogo all’impianto il 04.12.2008, é stata notata, nei terreni adiacenti la recinzione dagli impianti dell’inceneritore la presenza di bestiame al pascolo (Ovini e bovini) e di persone intente nella raccolta di funghi e prosegue “Tanto si segnala per i provvedimenti di competenza, ritenendo che debba essere precauzionalmente evitato sia il pascolo che la raccolta di qualsivoglia organismo destinato all’alimentazione umana e animale, in quanto i terreni suddetti potrebbero essere potenzialmente interessati da ricadute di contaminanti emessi dai camini dell’impianto”. (leggi qui la lettera integrale)

Ci sa dire il sindaco quali provvedimenti precauzionali sono state adottati dalla ASL, dove lui era commissario straordinario, o dal Comune di Macomer, dove allora era consigliere di maggioranza, per ottemperare a quella richiesta?

  2) Comunicato stampa della ASL n. 3 di Nuoro del 21 maggio 2010, quando Commissario dell’Ente era Succu, sull'avvio di un'indagine conoscitiva sullo stato di salute dei residenti vicino all'area industriale di Macomer, mettendola in relazione alla presenza di un grosso inceneritore.
Ecco cosa scriveva l’ufficio stampa della ASL di Nuoro, relativamente al distretto sanitario di Macomer:

“ In particolare, il fine è quello di conoscere l'eventuale relazione tra esposizione a fattori cancerogeni (diossine soprattutto, la cui presenza è già stata accertata) e l'insorgenza di neoplasie maligne, tenendo conto del fatto che le manifestazioni possono verificarsi anche a distanza di molti anni dal rischio.” (leggi qui il comunicato integrale)

Succu ci dirà mai su quali controlli e dati si basava quel comunicato o vuole ancora far finta di non saperne niente?

   3) Dichiarazione del Consigliere di maggioranza Succu durante il Consiglio comunale di Macomer del 12 novembre 2010. Dopo avere informato il Consiglio sullo studio approvato dalla ASL, Succu dice:
“……..omissis ………
Gli inquinamenti industriali possono influenzare lo stato di salute dei lavoratori e delle popolazioni che vivono nelle aree circostanti, in questo studio cercheremo di focalizzare tutto sulla attività dell’inceneritore di Macomer che per me è un grosso inceneritore collocato in questa area industriale e per Ottana per quanto riguarda la Petrolchimica e l’amianto. Il principale indagato in questo contesto sarà la diossina.
L’Agenzia internazionale per la ricerca contro il cancro, ricordo ma penso che lo sappiate tutti, colloca la diossina nel cosiddetto gruppo 1, cioè uno dei cancerogeni più potenti che ci possano essere.
Vi risparmio la parte operativa perché dobbiamo dare spazio a tutti i consiglieri che devono intervenire. Tutto questo che si è fatto finora, può colmare solo una parte del ritardo storico che si è accumulato in questi anni, il monitoraggio dell’aria deve essere esteso a tutti i paesi vicini a dove insiste l’inceneritore, possibilmente amplificato all’interno della nostra città.
Il rilevamento dei parametri deve essere il più ampio possibile, tutti dobbiamo conoscere qual è il tasso di diossina nei rilievi che finalmente sono fatti con una frequenza accettabile rispetto al passato.
Mi risulta da voci informali che se il valore massimo consentito di diossina è di 100, a Macomer si è arrivati anche a 75, è un valore preoccupante.
Monitorare tutti gli altri parametri, il biossido di azoto, gli ossidi di azoto in genere, l’anidride solforosa, i PM 10 come diceva il consigliere Castori, ma anche i PM 2,5, i contatti con l’ARPAS devono essere continui e soprattutto sui rilievi effettuati vanno presi i relativi provvedimenti.” (leggi qui a pag. 31 del verbale, allegato alla delibera del Consiglio comunale n. 45 del 12.11.2010,  )

Un consigliere riferisce in una riunione del Consiglio Comunale di “voci informali” sulla presenza di diossine e poi accusa altri di fare allarmismo e di danneggiare l'immagine del territorio? Ci dica invece Succu  dove ha raccolto queste voci informali e ci faccia conoscere tutti quei dati. Ci sorge il dubbio, più che legittimo, che quelle “voci informali” sui valori preoccupanti di diossine fossero le stesse che avevano dichiarato la presenza di diossine nel comunicato della ASL di Nuoro e dunque “voci ufficiali” a lui ben conosciute come commissario.

Succu che è stato tra i primi a lanciare l'allarme diossina già nel 2010, ora accusa altri di allarmismo e di danni all'immagine? Ma ci vuole proprio una bella faccia tosta!







Nessun commento:

Posta un commento